FUNZIONE: ingrediente base

COS’È

Il burro di sal è una sostanza estratta dai semi di Shorea robusta, un albero diffuso nella valle del Gange in India. La tecnica tradizionale per l’estrazione del burro è simile a quella utilizzata per il burro di karité. E come avviene per quest’ultimo in Africa, il burro di sal viene usato da secoli in India per la cura della pelle per via delle sue proprietà emollienti, idratanti e curative.

Industrialmente viene ricavato ricorrendo a solventi chimici. 

UTILIZZI NELL’INDUSTRIA ALIMENTARE

I principali acquirenti di semi di sal, e del burro che ne deriva, sono le multinazionali del cibo che rappresentano il 60% del totale. Si tratta pertanto di burro altamente raffinato – che ha perso molte delle sue proprietà iniziali – utilizzato specialmente nella produzione di cioccolato come sostituto del burro di cacao, avendo proprietà fisiche simili.

SALUTE

In India il Regolamento per la Prevenzione delle Frodi Alimentari (PFA) ne vieta l’uso per la produzione di cioccolato e gelati. Il suo uso è limitato alla preparazione del Vanaspati ghee , un olio vegetale idrogenato usato per la cottura, più economico al ghee ottenuto con latte vaccino.